DIDATTICA

ORGANIZZAZIONE DELLA DIDATTICA

IMPEGNO SETTIMANALE

Il Master ha una durata annuale con un impegno didattico di 1.500 ore complessive, di cui almeno 300 sono riservate a lezioni di didattica frontale ed esercitazioni pratiche in presenza, 150 ore alla prova finale. All’insieme delle suddette attività corrisponde l’acquisizione da parte degli iscritti di 60 crediti formativi universitari, oltre ai crediti già acquisiti per il corso di studio necessario per l’accesso al Master.

ATTIVITà DIDATTICA

L’attività didattica è articolata in moduli, ognuno dei quali composto da lezioni frontali ed esercitazioni pratiche in presenza ed è integrato da laboratori su reali proposte progettuali. Le lezioni si svolgono due giorni alla settimana con orario 9:00 – 18:00.

PROVA FINALE

Al termine del corso è prevista una prova finale per il conseguimento del titolo. La prova finale consiste nell’elaborazione e nella discussione di un project work e nella partecipazione ad un test a risposta multipla atto a misurare i “learning outcomes” di ciascun candidato al termine del percorso formativo.

Macro Aree Didattiche

1.Storia e Istituzioni dell’Unione Europea

2.Il Bilancio UE 

3.La Commissione Europea

4.Cooperazione internazionale e politica europea di vicinato, azioni esterne

1.Europrogettazione

a. L’Europrogettazione in ambito Europeo e Nazionale: finalità, obiettivi e contesti applicativi

b. Le quattro fasi dell’Europrogettazione:

1- il Project Design,

2-Proposal Management,

3-Project Management 

4-Valutazione.

c. L’Europrogettista e il Progettista Sociale 

d. Le autorità di Gestione Nazionali

e. Le Fonti di informazione Ufficiali

d. Le professioni europee:

1-Il Parlamentare

2-Il Funzionario della CE

3-L’Agente contrattuale

4-L’Esperto

5-Il Valutatore

g. Procedure di accesso ai finanziamenti europei

h. Documentazione: formulari e documenti amministrativi

i. EU LOGING – il Servizio di autenticazione della Commissione Europea, il portale ECAS, Participants’ portal;OID/PIC number.

2.Il sistema di finanziamento 

a. Le fonti di informazione dell’UE, l’idea di progetto, lo scouting finanziario, la matrice di finanziabilità. Case study. 

b. La Politica di Coesione, il sistema dei Fondi strutturali 2014-2020 e i Programmi Operativi Regionali. La strategia Europa 2020, il QFP e l’Accordo di Partenariato Italia 2014-2020.

-Approfondimenti tematici del quadro finanziario 2014-2020: 

-Ambiente, energia, cambiamento climatico

-Mobilità

-Ricerca & Sviluppo

-Impresa, Industria & Innovazione 

-Salute Pubblica

-Occupazione e Politiche sociali

-Formazione, Educazione, Gioventù, Sport

-Giustizia, libertà, sicurezza, immigrazione 

-Politiche agricole

-Cultura, Cittadinanza attiva

c. Introduzione al quadro finanziario UE 2021-2027: le politiche, le priorità e le future fonti di finanziamento. 

-Approfondimenti tematici del quadro finanziario 2021-2027:

-Ambiente, energia, cambiamento climatico

-Mobilità

-Ricerca & Sviluppo

-Impresa, Industria & Innovazione 

-Salute Pubblica

-Occupazione e Politiche Sociali

-Formazione, Educazione, Gioventù, Sport

-Giustizia, libertà, sicurezza, immigrazione

-Politiche agricole

-Cultura, Cittadinanza attiva.

1.Il Project Cycle Management (PCM) e la Logical Framework Analysis (LFA)

a. Introduzione agli aspetti metodologici della Proposal Management.

b. Approfondimento del Quadro Logico e della Gestione del Ciclo di Progetto: analisi di contesto, analisi degli stakeholders e del partenariato, obiettivi del progetto, attività e risultati.

c. La call for proposals: obiettivi, priorità, condizioni di ammissibilità, criteri qualitativi della valutazione in relazione al progetto, modalità di presentazione di una proposta progettuale.

d. Call for tenders: obiettivi, priorità, condizioni di ammissibilità

e. Il team di un progetto europeo: chi, come, quando. Ruoli nella scrittura del progetto. Il partenariato di un progetto europeo:  caratteristiche, criteri per scegliere i partner di un
progetto. Il valore aggiunto europeo. La descrizione del project management nella proposta progettuale.

f. Overview della proposta progettuale dopo la costruzione del quadro logico: moduli, contenuti. 

g. Il quadro finanziario della proposta progettuale.

h. Le regole del budget

i. La costruzione del formulario finanziario. La preparazione di un business plan. 

j. Le fonti di finanziamento in entrata e in uscita.

k. La relazione economico finanziaria nella proposta progettuale. Case study.

2.Principi e tecniche di project management 

a. Il project management dei progetti Europei: ruolo e competenze del  project manager

b. Le fasi di gestione di un progetto: Avvio-Pianificazione-Esecuzione-Controllo-Chiusura

c. Il Grant Contract 

d. La gestione del progetto: 

-Governo e governance del progetto: i project manager e i portatori di interesse.

-Analisi del rischio e Sistema di monitoraggio del Progetto.

-Valutazione di realizzazione, risultato e impatto.

-Reportistica tecnica e Rendicontazione economico finanziaria 

-Strumenti informatici di gestione progettuale. Case Study.

1. Tecnica di scrittura efficace e public speaking 

a. Parte preliminare al progetto: presentazione del progetto a potenziali partner: orale e scritto.

b. Contrattualistica

c. Call for Tender: analisi nel dettaglio di più capitolati ed esercitazioni pratiche sulla scrittura di un’offerta tecnica efficace. 

d. Call for proposal: linee guida e formulari dei bandi con attenzione al lessico specialistico 

e. Fase di gestione del progetto dopo l’approvazione (comunicazione tra i partner, meeting, elaborazione e redazione degli output progettuali e della reportistica in inglese)

f. Scrittura efficace: esercitazioni pratiche sulla redazione di abstract e scrittura di una proposta progettuale nelle call tematiche. 

1.Il Piano di comunicazione, disseminazione e capitalizzazione dei risultati 

a. Differenze tra comunicazione, disseminazione e capitalizzazione dei risultati 

b. Modalità attuative di richieste dell’UE

c. Il piano di Comunicazione 

d. Il piano di Disseminazione 

e. Il piano di Capitalizzazione 

f. Tecniche e strumenti di implementazione 

g. Modelli valutativi dei progetti EU: la valutazione dell’impatto sociale 

2.Management dell’innovazione 

a. Fonti e tipologie. Standard tecnologici, competizione e dominanza.

b. Tempi e strategie di innovazione. Business Model 

c. Strumenti finanziari a supporto dell’innovazione: il processo e i criteri

 

1.Laboratorio esperienziale

-(Parte 1) Project Design:

a. Le fonti di informazione dell’UE, l’idea di progetto, lo scouting finanziario, la matrice di finanziabilità. Case study. 

-(Parte 2) Proposal Management:

b. Approfondimento metodologico alla scrittura della proposta progettuale. Case study. 

-(Parte 3) Project Management:

c. Approfondimento metodologico alla gestione del progetto. Case study. 

-(Parte 4) Comunicazione:

d. Il piano di comunicazione, disseminazione e capitalizzazione dei risultati: approfondimento metodologico. Case study. 

2.Project work: Introduzione alla preparazione del project work: call for proposals reali e divisioni e gruppo di lavoro.

1.Aspetti legali:

a. Regole di partecipazione ai fondi europei

b. Elementi caratterizzati il progetto comunitario su fondi a gestione diretta 

c. Il partenariato e il consorzio europeo: il contratto di consorzio e la responsabilità contrattuale con la Commissione 

e. I criteri di selezione e valutazione della proposta progettuale

f. Gestione e tutela della proprietà intellettuale generata dal progetto

g. La gestione amministrativa della proposta progettuale (Assessment of Project Documents)

h. Elementi di Lobbying & EU public affairs 

2.Aspetti finanziari 

a. Aspetti generali:

– Model of Grant Agreement;

-Il Budget e le categorie di costi; 

-Strumenti informatici per la gestione amministrativa dei Progetti Europei;

-Financial Report; Costi eleggibili e non per ogni categoria di costo – metodologia di calcolo e documentazione a supporto necessaria; Errori più comuni; 

-Implementazione dei budget e gestione dei flussi finanziari;

-Il regime dell’IVA 

b. La rendicontazione dei costi

-Audit e certificazione delle spese 

-Sistema di controllo di primo e secondo livello da parte delle Istituzioni comunitarie 

-L’ implementazione del contratto di finanziamento: gestione dei flussi finanziari e rapporti con l’ente erogatore

-Monitoraggio e controllo delle attività progettuali.